Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

mercoledì 27 settembre 2017

Poesie sparse... 55


Le scarpe che si slacciano, sconfitte 
La strada ride e pare un labirinto 
Il sole è tramontato, rifrazione 
ne resta, ed è un ricordo, è irrisolvibile. 
Una panchina in pietra, sto a parlare 
un poco con chi è solo e non conosco: 
due facce inani, una medaglia stanca. 
Se fossi a casa so che avrei contato 
col dito in processione, incolonnate, 
le vertebre che danno la tua schiena. 




Nessun commento: