Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

lunedì 24 ottobre 2011

Poesie sparse...24


In testa avevi un nido di crisalidi
che già fremevan d'essere farfalle
e di volare, senza la pretesa
d'essere prime, ma soltanto belle.
Posandoti sui fiori gli altri insetti
vedevano un Re nuovo e impallidivano.
Ma era San Lino e lungo quella curva
passava tra le gomme tue un fantasma:
cercava una rivincita e i ricordi
di derapate e di gambe sbucciate;
ricordi di bambini e biciclette...

Adesso corri, senza premi in palio,
con altre cinquantotto stelle in cielo.



Ciao Marco...!

2 commenti:

lily potter ha detto...

non so chi costui sia, ma quel che hai scritto è buono e bello.

in particolare le farfalle!!

Ankam ha detto...

Daje Pix!!!