Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

venerdì 2 marzo 2012

Carnet di marcia #1

E' iniziata. Ora vediamo cosa succede.
Ulisse è finalmente in viaggio. E adesso, sì, può veramente capire cosa siano Itaca, Penelope e tutto ciò che ama...



... E se l'amore che avevo
non sa più il mio nome...
come i treni a vapore
di stazione in stazione
e di pioggia in pioggia
e di dolore in dolore
il dolore passerà.



Posizione attuale: San Gimignano

Canzone di questi giorni: Una giornata uggiosa



Poesia riscoperta: Calipso (prossimo post)

3 commenti:

Elledy ha detto...

Io ti auguro buon viaggio, ma tu non fare le cazzata di rubare il cibo in casa di un ciclope, o di mangiare le Mucche Sacre al Dio Sole. u u

PiX ha detto...

mmh, direi che hai appena svelato le prossime puntate di "Odissea sparsa"... anyway, riuscirò a fare di peggio!

vomito supremo ha detto...

penso che arrivati ad un certo punto del cammin di nostra vita un viaggio sia una tappa fondamentale per chiunque. c'è chi lo intraprende restando a casa propria, chi cerca la propria casa altrove e chi vuol perdersi in casa d'altri. Noi chi siamo? non è fondamentale saperlo per comprendere la necessità del viaggio. é più impellente,penso, trovare la strada del ritorno, conoscere ogni minino dettaglio di essa. Cosa intendo per strada del ritorno? quella che porta a casa ovviamente, sia pure essa la tua, la sua, la loro, alla fin fine è un pò pure la mia e perciò è il mio viaggio.