Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

domenica 11 marzo 2012

Odissea sparsa - parte 5 - Calipso



Canne e sterpaglia che accecano il mare
un circolo di sabbia senza uscita
e il sole eterno zenith che impedisce
ombre di fuga e zattere arrangiate:
Da venti giorni, forse da una vita
questo sputo di terra è una prigione
anche se vuole assomigliare a casa.
Ma dietro quella spiaggia oltre il confine

un poco Oceano un po' Mediterraneo
ci sono la mia isola e mia moglie.
Proibiscono l'odore del ritorno
l'ira di un dio e l'amore di una ninfa:

se proprio lo desideri 'Calipso
mi puoi legare tutto, tranne il cuore.




Il percorso continua, nonostante tutto. E continuano anche le poesie di questa "Odissea fasulla", sparpagliate di qua e di là: oggi Ulisse incontra Calipso.

Nessun commento: