Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

mercoledì 10 ottobre 2012

3 buoni motivi per andare alle primarie del PD e votare Matteo Renzi


1) Perché, forse inconsapevolmente, sta proponendo qualcosa di squisitamente liberalsocialista.
(cfr. Carlo Rosselli, Il socialismo liberale)

2) Perché, è vero, sta cavalcando l'onda; ma lo fa alla maniera dei surfisti: non si fa trasportare, è lui a scegliere l'altezza e la direzione...

3) Perché, come amava dire di sé Robert Kennedy, è riuscito a unire la sinistra, a mettere d'accordo tutti: tutti contro di lui! (e di questi tempi vorrà dire qualcosa...)

Ricordiamo, poi, che il candidato in questione salì agli onori delle cronache per una curiosa storia di cui si trovò, suo malgrado, protagonista a causa dei doveri del suo ruolo istituzionale. Già: anche adempiere ai propri doveri, soprattutto in Italia, a volte può diventare imbarazzante o motivo d'accusa...

Andare alle primarie di un partito significa prendere parte a una meravigliosa manifestazione di democrazia e di civiltà, tanto più se non siamo orientati a votare quel determinato partito che le ha indette.

Data: 25 novembre 2012. Primarie del PD, votiamo Renzi.


Nunc pede libero pulsanda tellus...



Nessun commento: