Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

lunedì 17 settembre 2012

Odissea sparsa - parte 6 - Polifemo



Lui che è un ciclope può girare nudo 
può massacrare tutti i miei compagni 
e usarne le ossa per pulirsi i denti. 
Può bere il vino puro degli dei 
- appena poco più di un animale - 
eppure voler bene alle sue capre... 
Ma forse allora il mostro è Senza nome: 
allora forse il mostro è Chi pretende 
diritti per giocar con senno ai dadi, 
Chi con astuzia ha tessuto il tranello 
che ti ha portato via il tuo solo occhio 
e in più, rispetto a te, ha un occhio solo.


2 commenti:

ElfoMiope ha detto...

rivolti le parti e le frittate? non sono sicura di aver colto esattamente il punto, ma ho colto molte cose. è questo quello che fa di una poesia una poesia, no? gud gud!

PiX ha detto...

ricordo che quando l'ho scritta (è stato un anno fa) stavo pensando a Bossi. O meglio, stavo pensando alla xenofobia in generale; quindi l'accostamento con Bossi è stato più o meno automatico...
Riflettendo sulla paura dell'altro, del diverso, mi sono detto che non si può giudicare "a prescindere". Già, non è certo un concetto nuovo, né originale... ma deve necessariamente esserlo?
Comunque, il senso era che anche Polifemo (il mostro, il diverso che fa paura) può essere "buono"; il rapporto uomo-mostro può essere rovesciato anche nel suo caso; tutto è relativo... :-)

P.S: non ho capito a cosa alludessi; ma no: niente frittate rivoltate