Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

giovedì 13 gennaio 2011

Poesie sparse...19



Il mare della scozia a settentrione
è freddo come il fiato del demonio
e il cielo nel tramonto delle dieci
è madido d'aurora boreale
Le voci degli spiriti e le fate
popolano la terra, ma nessuna
dipinge dei tuoi occhi l'orizzonte.
Qui dove il cerchio molto si è ristretto
vedo le cose e te per ciò che siete
... la linea in fondo non la si cattura...












Questa doveva essere il pezzo con cui avrei partecipato al Concorso Internazionale Castello di Duino 2011. Il tempo imperfetto è dovuto al fatto che ho confuso la data ultima di consegna spostandola di dieci giorni, sicchè il tutto è allegramente andato a farsi.......... Così imparo a rimandare!
Tuttavia voglio ringraziare in maniera speciale Margherita e Layla, che si sono rotte il capo per tradurmi in inglese questi miserabili versi (come da bando di concorso): hanno fatto veramente un lavoro eccezionale!

Highlands: the Scottish sea
is cool as a devil's breath
the sunset sky - at ten
is soaked with the northen lights
the voices of the spirits and the fairies
fill the earth, but none of theme
can paint the horizon of your eyes.
Here, with the circle so much narrowed,
I see you - and the things - just as you are:
seize the line in the background: you can't.

1 commento:

Ank ha detto...

Bello!