Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

giovedì 9 aprile 2015

Poesie sparse... 48 - L'ultimo Boy Scout


Resta la dignità, pronta all'esilio: 
Il mondo è un po' più giungla e chi comanda 
sono serpenti iene e alligatori. 
Leoni sonnacchiosi, tutto intorno 
ci si è fatto il deserto e nella sabbia 
stiamo col muso all'ombra di chi fummo. 

Non corrono gli gnu né le gazzelle 
Non è rimasto un osso od un miraggio 
a stimolare imprese. C'è la fame: 
il solo bieco istinto deteriore. 
La mia savana brucia, in ogni sterpo 
la verità è sottesa solo al fuoco. 

Tra le macerie sono un re di braci. 
Nella sconfitta resto un re che tace.
















Roba vecchia, in realtà.
Il titolo (e solo il titolo) è un omaggio al mitologico Bruce Willis e al ruolo che ha interpretato nel 1991.
Da quella pellicola si può, semplicemente, trattenere il facile concetto di:
Boy Scout = Persona Onesta.
Ogni altro riferimento, al Movimento Scout, o alla figura del Boy Scout, o a scouts realmente esistenti, è molto al di là di quelle che sono le reali intenzioni dell'autore.

[Precisazione necessaria per contingenze biografiche]

Nessun commento: