Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

sabato 21 marzo 2015

Poesie sparse... 47 - Drowning

Un pensierino proveniente dal tardo autunno e poi sviluppato in pieno inverno per il primo giorno di primavera. Aspettando l'estate che ci ritroverà.



Tra i faggi e le fagacee nel tuo verde 
si è definito un alito, vagito 
d'amore appena giunto, all'improvviso. 
Lo scopro solo e tu mi scheggi il cielo 
di luce e d'altre nuvole a infusione. 
E questo giovedì si fa ragazza 
ragazza e nuvoloso - a suggerire 
il vento da non farti più dormire.




Vale come mio contributo alla Giornata Mondiale della Poesia, visto che il pay-with-poem al bar non ha funzionato.

Nessun commento: