Ragazzi, io sono convinto che bisogna crederci, bisogna correre il rischio di essere illusi, bisogna correre il rischio di passare per ingenui, ma bisogna crederci... E allora io continuo a credere a quella storia del mio amico che mi ha detto che in casa sua, di fronte al suo cane, gli è successa una magia così splendida, che per una cosa così è valsa la pena vivere...
-Luciano Ligabue-

martedì 9 agosto 2011

Odissea sparsa - parte 1 - Ulisse



Disteso come le alghe vomitate
anche dal mare, questo maledetto
secco di solleone, raggrinzisco.
Così novello Ulisse una Nausicaa
non miro nella terra dei Feaci
che naufrago mi ha accolto doloroso.
Io voglio la Penelope che forse
non mi ha aspettato.
Io voglio ciò che il fato mi ha negato.

















Siamo figli di una cultura che non ci abbandonerà mai. Per quanto tentiamo di allontanarcene, prima o poi la classicità, la grecità, con tutto il suo patrimonio di storie, di miti, di criteri e canoni, di ordine e di razionalità, ritorna sempre. E' la storia dell'arte, ma anche dell'uomo, in Europa. E' così da sempre.
Quando il disordine, l'anticlassicità, diventa eccessiva, la rivoluzione migliore che riusciamo a inventare è un ritorno alla Grande Madre. Per poi ridiscostarcene; ciclicamente. 7 endecasillabi e un quinario. Poi, un altro endecasillabo.

7 commenti:

vomitosupremo ha detto...

la terra di Nessuno è per nomea patria dell'uomo

PiX ha detto...

La terra è di "nessuno", e quindi di tutti.
Ma il vero sogno di ogni uomo, credo, è in un'isola... http://www.youtube.com/watch?v=BlMJdddUxOw

vomitosupremo ha detto...

è quello che ho detto pure io, di Nessuno,di nessuno di tutti. dagli il nome o le sembianze che ti pare ma è sempre lo stesso http://www.youtube.com/watch?v=XwbC0AbjrLg

Anonimo ha detto...

vomito fraterno

PiX ha detto...

vomito fraterno, rivela la tua identità!
No, perchè per vomitarmi addosso "fraternamente", spero almeno che ci conosciamo... :)

vomitosupremo ha detto...

che sia supremo o fraterno è sempre vomito XD era solo lontano 1000mila chilometri in viaggio per terre tedesche. Rileggo la poesia per bene solo ora e mepiace. Un Ulisse "al contrario" vedo in questi versi.

PiX ha detto...

chiamiamolo un "Ulisse fasullo":o, almeno, io lo chiamerei così. Però sarei curioso di sapere a cosa alludi...